Sentiment
Total Put/Call Ratio PDF  | Stampa |

Il Total Put/Call Ratio non è altro che il ratio (divisione) tra il volume di Put (opzioni ribassiste) ed il volume di Call (opzioni rialziste) trattate  giornalmente sul mercato delle opzioni di Chicago (CBOE). Il  volume totale  prende in considerazione  sia il volume delle opzioni riferite alle azioni sia il volume delle opzioni  riferite agli indici.
Valori superiori a 1,0 indicano un eccesso di pessimismo, valori inferiori a 0,50 indicano estremo ottimismo e compiacenza.

 

MM 10 Total Put/Call  Ratio
Media mobile a 10 giorni del Total Put/Call ratio del Cboe



 
Share
Oex Put/Call Ratio PDF  | Stampa |

Sul mercato delle opzioni di Chicago vengono trattate anche le opzioni sull'indice S&P 100 il quale comprende le BlueChips quotate a Wall Street.

OEX=S&P100

La   media mobile a 10 giorni dell'OEX Put/Call Ratio è una buona indicazione della futura tendenza del mercato azionario. Valori elevati del Total Put/Call Ratio segnalano un minimo imminente e questa è una regola generale certa, nel caso dell´OEX Put/Call Ratio il comportamento è prevalentemente opposto realizzando   un andamento invertito rispetto al Total Put/Call Ratio .  
Le opzioni sull´OEX   sono usate dai singoli investitori, ma possono anche essere usate dai grandi investitori (Smart Money) per proteggere le posizioni sui titoli azionari.  
Quando si vede un incremento dell´OEX Put/Call Ratio rispetto ad un andamento contrario e positivo dell´azionario, lo si attribuisce all´acquisto di opzioni Put da parte dei grandi investitori, i quali vogliono coprire il loro portafoglio di azioni comprando Put sull´indice.
Il declino del mercato azionario successivo puó essere rilevante o contenuto, ma le probabilità  sono molto alte che si verifichi un massimo di breve periodo quando l´OEX Put/Call Ratio raggiunge   livelli elevati.

 

MM 10  Put/Call Ratio S&P100
Media mobile a 10 giorni del Put/Call ratio  sull'indice S&P100

 
Share
Equity Put/Call Ratio PDF  | Stampa |

Una regola generale sul mercato USA è che i piccolo traders acquistano opzioni sulle azioni (equity option) in misura maggiore rispetto alle opzioni sugli indici di borsa.
Al contrario, i grandi speculatori-investitori istituzionali fanno trading in misura maggiore sulle opzioni degli indici (index option) ed inoltre utilizzano questi strumenti per effettuare operazioni di copertura dei portafogli di azioni. L´analisi condotta evidenzia una relazione inversa tra i due gruppi di operatori, storicamente quando l´equity put/call ratio (calcolato sul mercato del Cboe) è a livelli minimi (i piccoli traders sono ottimisti) ad esempio  il Put/Call Ratio sull'indice S&P 100 (Oex)   è   su livelli massimi (gli investitori istituzionali, chiamati "Smart Money"  sono prudenti o pessimisti sulle prospettive del mercato azionario) è probabile quindi che un ribasso del mercato azionario è  prossimo e viceversa.   Ovviamento la strategia di acquisto o vendita  di opzioni sulle azioni da parte dei piccoli traders (Dumb Money)  è diversa da quella dei traders professionisti sulle opzioni dell'Oex o del Spx, i primi seguono una strategia speculativa i secondi prevalentemente di copertura (Hedging)  di portafogli azionari.

MM 10 Put/Call Ratio Equity
Media mobile a 10 giorni del Equity Put/Call ratio.

 

 
Share
Indice VIX PDF  | Stampa |

Il Vix misura la volatilità  implicita a breve termine delle opzioni at-the money sull´indice S&P 500 quotate sul mercato delle opzioni del CBOE. In altre parole, il Vix misura il prezzo che gli investitori sono disposti a pagare per opzioni che permettono di vendere un titolo ad un prezzo determinato entro un certo periodo di tempo, proteggendosi quindi dal ribasso.
L'idea di base del Vix è che, durante una fase di mercato rialzista la volatilità  tende a diminuire, mentre durante gli impulsi correttivi tende ad aumentare repentinamente.
Un basso livello di volatilità  tende quindi a sostenere il trend rialzista eventualmente in atto.
L'interpretazione classica è di posizionarsi al rialzo quando l'indice taglia al ribasso la media mobile a 20 giorni e si mantiene al di sotto di quest'ultima,  invertendo la posizione in caso di rottura al rialzo della stessa.
Quando il Vix  si trova  in ipercomprato o al contrario, in ipervenduto, sulla base di parametri variabili, si individua una buona opportunità  per posizionarsi sul mercato al ribasso o  nel caso  contrario  al rialzo, assumendo la   media mobile a 20 giorni come primo supporto/resistenza.
Valori estremi del Vix si registrano su minimi importanti del mercato azionario Usa. L'efficacia di questo indicatore non è altrettanto valida in corrispondenza di valori molto bassi che non necessariamente individuano i massimi del mercato azionario.

Indicatori sul Vix

Ratio Vix/Vxv
Il VXV è l'indice della volatilità sulle opzioni a 3 mesi dell'S&P 500. Con il rapporto tra il Vix e il Vxv si ottiene una sorta di contango su questi due indici invece che sui loro futures. In pratica un rapporto maggiore di 1 indica che la volatilità a 3 mesi prezzata dal mercato delle opzioni è maggiore della volatilità a 1 mese che lo stesso mercato prezza. I valori estremi oltre 1 anticipano inversioni ribassiste del VIX e rialzista per l'S&P 500 nelle settimane successive.

Vix Bollinger Bands
Sull'indice Vix viene vengono calcolate le Bande di Bollinger prendendo come base la media mobile a 20 giorni. Le indicazioni che ne derivano sono le seguenti: quando il Vix supera la banda superiore significa che il Vix è superiore di 2 deviazioni standard dalla sua media e quindi è un segnale di pessimismo, quando il vix scende sotto la banda inferiore significa che il Vix è inferiore di 2 deviazioni standard dalla sua media è quindi è un segnale ottimismo.

Modello VIX 2 Deviation Standard

Modello calcolato sull'indice Vix che prende spunto dalle Bande di Bollinger, la variante in questo caso è il fatto che anzichè considerare una media mobile di breve termine (la classica a 20 giorni) si utilizza una media a lungo termine a 200 giorni. Le indicazioni che ne derivano sono  molto precise ed efficaci: quando la chiusura del Vix supera la banda superiore significa che il Vix è superiore di 2 deviazioni standard dalla sua media di lungo termine  e quindi è un segnale di pessimismo, quando  la chiusura del  vix scende sotto la banda inferiore significa che il Vix è inferiore di 2 deviazioni standard dalla sua media di lungo termine  e quindi è un segnale ottimismo. La ridotta frequenza di segnali e la notevole efficiacia testata nel tempo fa di questo modello uno strumento da tenere in seria considerazione.

VIX Deviation MM 50
Questo indicatore confronta il valore corrente del VIX rispetto alla sua media mobile di medio termine. Quando si registra un valore "troppo lontano" dalla media presa in consideranzione, le circostanze sono mature per una inversione verso la media, e quindi un cambio della tendenza a breve del mercato azionario Usa.

 
Share
I Sondaggi del Sentiment PDF  | Stampa |

I Sondaggi del Sentiment sono stati realizzati diversi anni fà  al fine di monitorare la percentuale di rialzisti e ribassisti rispetto ad un dato mercato finanziario.

Ormai di questi sondaggi se ne contano a decine, vengono realizzati da diversi siti finanziari sia in Usa sia in Europa.

Le caratteristiche prevalenti di questi sondaggi è che sono realizzati in modo molto semplice porgendo  poche domande sulle prospettive di rialzo o ribasso di un certo indice di borsa o materia prima, sono settimanali nella maggior parte dei casi e raramente mensili.

Ovviamente il campione oggetto del sondaggio a seconda che si tratti di risparmiatori, traders o gestori professionisti determina risultati differenti nello stesso contesto di mercato.

A nostro avviso questi sondaggi vanno presi con le dovute cautele e solamente in un ottica di lungo termine. I motivi sono diversi:

1) La maggior parte dei sondaggi sono settimanali, un periodo di 5 giorni di mercato aperti in cui volatilità  puó essere anche molto elevata, e quindi le risposte dei  partecipanti   possono essere molto differenti a seconda se la giornata, in cui il soggetto ha trovato il tempo di rispondere al sondaggio, sia positiva o negativa.

2) Il partecipante al sondaggio non  necessariamente esprime un giudizio a cui seguono dei fatti concreti, esempio: un intervistato  si esprime in termini  ribassisti ma per diversi motivi non è in grado di aprire posizioni ribassiste.

Discorso diverso è da farsi per i sondaggi aventi come campioni dei gestori o analisti professionisti, questi tipi di sondaggi sono molto più approfonditi e complessi di quelli tradizionali e riescono a dare anche un fotografia molto più particolareggiata del mercato azionario, ad esempio se c'è maggiore ottimismo sul settore energetico piuttosto che su quello tecnologico.

 
Share
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 3