Cos'è l'analisi del Sentiment
  • Indicatori del Sentiment   ( 3 articoli )

    Un indicatore di sentiment rappresenta l'aspettativa positiva o negativa di una tipologia d´investitore (gestore professionista, traders, risparmiatore) rispetto alle prospettive del mercato; tale aspettativa viene evidenziata non solo nei soliti sondaggi, ma anche attraverso l'operatività  effettiva sui mercati.

    Le operazioni di acquisto e vendita dei tanti strumenti finanziari (azioni, fondi, etf, opzioni e futures) concluse ogni giorno da tutti gli investitori sono i dati che analizziamo per comprendere il sentiment del mercato.

    Gli indicatori di sentiment sono un valido strumento per meglio tarare le proprie strategie d´investimento o speculazioni di breve termine. Infatti,  l´acquisto di un azione/fondo/etf   avrà  più probabilità  di successo  se effettuata in momenti di sentiment del mercato di riferimento  molto negativo e, viceversa, è opportuno  rivedere le proprie strategie  rialziste  nei casi in cui si riscontra  un eccesso  di euforia.

    Gli indicatori di sentiment più usati (da chi segue questa metodologia) fanno riferimento al mercato azionario Usa a cui tutti gli altri mercati azionari sono prevalentemente correlati.
    La trasparenza del mercato finanziario Usa offre un notevole numero di dati sul sentiment e sullo spessore del mercato azionario. Non si puó dire lo stesso dei mercati europei ma qualcosa stà  cambiando.
    Ovviamente vi sono indicatori che presi a se stanti non danno alcuna indicazione utile, ma elaborati con specifici algoritmi offrono delle ottime indicazioni.
    Non tutti gli indicatori  sono uguali, ognuno ha una sua caratteristica, per cui, alcuni  sono in gradi di individuare i massimi del mercato di riferimento, mentre  altri, sono più precisi nell'individuare i minimi.

    Sentimentcharts offre la possibilità  di consultare la posizione degli investitori nel mercato delle opzioni Put/call (Cboe), nel mercato dei fondi Rydex, la volatilità sul mercato delle opzioni ed altri indicatori tra cui i sondaggi degli investitori professionisti e privati.

  • Il Sentiment dei Giornali   ( 5 articoli )

    Può un titolo di giornale essere utilizzato come indicatore di Sentiment o indicatore Contrarian?
    Gli esperti americani in materia di sentiment, come Woody Dorsey, li chiamano i "cover indicator" gli "indicatori della copertina".

     

    Considerati interessanti anche da una delle più grandi società di gestione di fondi al mondo, la Fidelity di Boston.
    Questo è la foto in una sala operativa di Fidelity, con il Dow Jones di lungo termine e ogni anno l'immagine di un Cover Indicator, bullish o bearish.

     

    b_600_400_16777215_0___images_stories_cover_indicator_a_fidelity.jpg

    Una componente interessante dell'analisi del Sentiment è l’analisi dei titoli di giornale, nelle pagine di questa sezione facciamo alcuni esempi per fare comprendere cosa intendiamo.
    Questo tipo di analisi riveste una notevole importanza soprattutto considerando che,  e le indagini statistiche stanno a dimostrarlo, una elevata percentuale di risparmiatori prende decisioni d'investimento sulla base di quello che leggono sui giornali.
    Pur considerando fondamentale il contributo divulgativo e d'informazione di molti giornali finanziari è dimostrato che moltissimi risparmiatori investono sui mercati azionari quando sono già saliti molto, motivati dai giornali i quali enfatizzano il periodo positivo.
    E quando vendono? Quando gli stessi giornali sono pieni di notizie catastrofiche o negative sulla Borsa, ed invece è proprio quello il momento migliore per cominciare a considerare un acquisto di azioni e fondi azionari a prezzi ragionevoli.
    E' ormai evidente come gli analisti, gli economisti, intervistati dai giornalisti alla ricerca di commenti o previsioni sui mercati, siano molto spesso in ritardo rispetto all'evoluzione dei mercati.
    Le notizie riportate soprattutto dai giornali finanziari, frutto anche di analisi molto approfondite, il mercato le ha spesso già assimilate e scontate nei prezzi molto tempo prima.
    In poche parole, il mercato è avanti rispetto alle notizie.
    Quindi gli articoli anche dei giornali finanziari specializzati nella maggior parte dei casi non fanno altro che confermare il “sentiment” dominante dei mercati.
    Purtroppo i risparmiatori non aspettano altro che sentire notizie che confermano la tendenza positiva/negativa in atto per agire di conseguenza.